Tutto sul Bonus Sicurezza

36
bonus sicurezza

Se stai pensando di comprare una porta blindata per la casa, ti farà piacere sapere che puoi usufruire di alcune agevolazioni grazie al Bonus Sicurezza 2021.

Grazie al bonus sicurezza di quest’anno, potrai ottenere alcune importanti detrazioni fiscali, non ti resta che leggere l’articolo qui di seguito.

Cos’è il bonus sicurezza

Il bonus sicurezza è un incentivo pensato per agevolare le spese di ristrutturazione della propria casa grazie a delle detrazioni fiscali, o meglio uno degli incentivi che agevolano la protezione della propria casa.

Il piano di detrazioni fiscali di questo bonus è stato studiato per permettere lavori di sostituzione delle porte di ingresso con nuove soluzioni più sicure, come ad esempio una porta blindata che possa tutelare al meglio la vostra abitazione.

Il bonus sicurezza prevede la detrazione del 50% della spesa fino a un costo di 96 mila euro, applicabile ad altre opere di sicurezza come installazioni di telecamere per videosorveglianza, sistemi di antifurto, inferriate, cancelli elettrificate. Sono calcolabili all’interno delle spese anche lavori di ristrutturazione e montaggio.

Quali sono i requisiti del bonus sicurezza

Ovviamente, il bonus sicurezza come tutti i piani di detrazioni fiscali ha dei requisiti minimi. Secondo la direttiva europea EN 1627, la detrazione del 50% può essere applicata a tutte le porte blindate a prescindere dal materiale di costruzione, dal modello e dal suo livello di sicurezza (i livelli di sicurezza si dividono in sei classi, dalla prima più bassa alla sesta più alta).

Ottenere le detrazioni fiscali

Per poter usufruire delle detrazioni del bonus dovrete fornire pagamenti solo tramite bonifico bancario o bonifico postale.

Bisogna conservare tutti i documenti necessari per compilare correttamente la richiesta di detrazione: le ricevute dei bonifici, le documentazioni di addebito e le fatture.

Fatti tutti i pagamenti, sarà possibile inviare la pratica Enea in via telematica.

Quali sono i requisiti per l’avvio della pratica?

Bisogna aver effettuato i pagamenti e la richiesta al massimo entro 90 giorni dalla fine dei lavori in casa.

La procedura di detrazione per i lavori degli impianti di allarme o di installazione di porte blindate può diventare complessa perché richiede anche alcuni valori tecnici. Nello specifico, sarebbe consigliabile la scelta di affidarsi al lavoro di un professionista commerciale, un commercialista o un tecnico del settore, un architetto o anche un geometra.

La richiesta sarà completabile accedendo al portale ufficiale di Enea, iscrivendosi e inserendo tutti i dati non solo che riguardano la costruzione e i lavori di ammodernamento ma anche quelli relativi all’anagrafica e alle spese per la porta e altri dati tecnici.

Bisogna chiarire che le detrazioni fiscali non si possono applicare all’installazione di una nuova porta ma solo se l’attuale viene sostituita con una porta blindata. Ovviamente non si possono superare i 96 mila euro di spese.

Possono fare la richiesta i proprietari della casa, i nudi proprietari, i locatari, i conviventi e chiunque ne abbia diritto.

Tra le spese comprese dalle detrazioni del bonus sicurezza 2020 ci sono anche le grate, i vetri antisfondamento e le saracinesche.

Devi ristrutturare Casa e ti occorre un preventivo gratuito? CLICCA QUI

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.