Tutto quello che c’è da sapere sulle Sim antifurto

79
sim antifurto

Le Sim antifurto sono pensate per avvisare in tempo reale il proprietario di casa in caso di furto e avvertire le forze dell’ordine. Ecco quindi una guida su come sceglierne una.

Esistono in commercio delle sim per allarme, che possono essere installate proprio all’interno del sistema antifurto per avvisare telefonicamente le forze dell’ordine nel caso il sistema di sicurezza riveli un’effrazione così che possano intervenire e sventare il colpo dei malfattori.

Possedendo un sistema antifurto professionale, è bene implementare anche una scheda GSM per massimizzare la protezione contro i possibili tentativi di rapina.

La sim per allarme come risorsa di sicurezza

Le statistiche rivelano che in italia le vittime di furti ogni giorno superano la media rispetto a quella di altri cittadini europei. Contando gli ultimi 10 anni, le denunce di effrazione sono esponenzialmente aumentate e sono diventate più preoccupanti.

Per combattere questa criticità vengono in soccorso tutta una serie di nuove tecnologie di allarmi, come ad esempio il sistema antifurto nebbiogeno, che oltre all’allarme è in grado di generare un muro di nebbia in pochi secondi, senza lasciare residui e senza rischi tossici ma solo per impedire ai ladri di vedere.

Si tratta di dispositivi sofisticati, alcuni dei quali implementato sim per allarme che possono avvertire le centrali operative di polizia e i proprietari dell’immobile attraverso messaggi e chiamate sul proprio smartphone.

Questi nuovi sistemi di allarme sono dotati di combinatore telefonico GSM, dentro il quale si inserisce la sim antifurto.

Per il momento, si può scegliere tra 3 operatori di telefonia mobile: Tim, Wind o Vodafone. È consigliabile utilizzare questi gestori per evitare problemi di compatibilità con il sistema di allarme.

Ovviamente, il tecnico che installerà l’apparecchio potrebbe verificare e consigliare quale gestore sarebbe meglio utilizzare per la portata GSM e GPRS. È bene evitare schede antifurto con scadenza, preferendo invece quelle che non ne hanno.

Il tecnico di installazione proverà il sistema facendogli inviare un messaggio sul vostro telefono, a verifica del funzionamento del combinatore.

Cosa vuol dire sim antifurto senza scadenza?

Le scelte principali per sim antifurto cascano spesso su prepagate o ricaricabili della durata di 12 o 24 mesi, ma per evitare di non ricordare la scadenza del contratto e avere il sistema disattivato, sarebbe consigliabile acquistare una sim senza scadenza.

Con l’aumento delle richieste, anche gli operatori di telefonia mobile hanno iniziato a proporre le loro sim antifurto senza scadenza con offerte ad abbonamento mensile. In questo modo, potrete stare sempre tranquilli del funzionamento del combinatore.

Scegliendo l’offerta giusta, sarà possibile mantenere attiva la scheda anche solo con una ricarica di 5 € annuali.

La manutenzione del sistema sarà comunque molto semplice: online sono disponibili vari tutorial che spiegano cosa fare passo passo, ma le istruzioni sono contenute anche nel libretto del sistema di allarme.

Il costo medio di un tecnico specializzato all’installazione del sistema è di 70 euro.

È consigliabile comunque richiedere un preventivo per essere sempre a conoscenza di tutti i costi necessari.

Devi ristrutturare Casa e ti occorre un preventivo gratuito? CLICCA QUI

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.