Tutto sui sensori di rottura vetri

105
sensori di rottura vetri

Vi siete mai chiesti come funzionano i sensori che avvertono della rottura dei vetri? Nell’articolo andremo a vedere tutti i vantaggi di questi sistemi di sicurezza e i costi necessari per essere montati.

La sicurezza di casa o della propria attività commerciale è una vera priorità. Anche per questo, in aggiunta ai comuni antifurti che possono segnalare eventuali tentativi di intrufolamento dei ladri, in molti preferiscono installare anche dei sensori di rottura dei vetri.

Questi sensori sono infatti capaci di segnalare oltre agli scassi e alla presenza di persone negli ambienti della casa o del negozio in orari non lavorativi o notturni, e avverte immediatamente se rivela che qualche vetro è stato rotto da qualcuno che vuole introdursi nella proprietà.

Come funziona questo sensore?

I sensori di rottura dei vetri utilizzano la tecnologia wireless per avvertire immediatamente il proprietario e la centrale di polizia più vicina in caso riveli che qualcuno ha rotto una finestra o una porta (o che stia cercando di farlo).

È molto più sensibile, solitamente, contro i falsi allarmi e, per via del suo compito delicato, può anche essere gestito in remoto da pc, tablet o smartphone.

Il continuo progresso tecnologico ha permesso di creare molti dispositivi per aumentare la propria sicurezza domestica e facilitare il compito.

Se una volta queste possibilità così avanzate non erano possibili e nemmeno contemplate, adesso sono a portata di clic.

La sorveglianza potrà essere fatta via internet, con una semplice app da smartphone.

Molto importante come già detto è il fatto che questi sensori di rottura vetri sono collegati alle centrali di polizia proprio per offrire un’azione immediata in caso di furti e danneggiamenti di proprietà.

Sono una soluzione facile e ideale per aumentare la propria incolumità e la propria sicurezza, sia personale, sia abitativa, sia nel caso di un’attività commerciale

Quali tipi di sensori di rottura vetro esistono in commercio

I dispositivi più utilizzati sono quelli di sensori filari. Sono apparecchi semplici che possono essere installati su ogni porta o finestra, e rilevano il loro danneggiamento.

Non hanno bisogno di batterie, e la loro installazione è praticamente immediata visto che necessitano solo di un nastro biadesivo.

Sensori più avanzati sono quelli di rottura vetri wireless, che non possiedono fili quindi sono molto pratici e addirittura più facili da installare.

A questi due si aggiungono anche i sensori microfonici di rottura vetri che possono rivelare scassi ed effrazioni. Funzionano tramite un microprocessore che va ad elaborare i suoni rilevati dal microfono di sistema.

Anche in questo caso, la rivelazione di un effrazione manderà un allarme alla centrale di polizia per un intervento tempestivo.

I costi di questi rivelatori si aggirano attorno a qualche decina di euro. Si va da un minimo di 30 fino a un massimo di 200 euro per le tecnologie più innovative. Le soluzioni più costose sono ovviamente pensate per offrire un alto livello di protezione.

Ai costi del sensore si aggiungono, nel caso delle soluzioni più complesse ovviamente, anche quelle per la manodopera.

Devi ristrutturare Casa e ti occorre un preventivo gratuito? CLICCA QUI

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.