Le spese di trasloco sono detraibili? Sì alla detrazione al 50%

1896
https://www.investireoggi.it/fisco/montaggio-mobili-e-trasporto-per-trasloco-si-possono-portare-in-detrazione/

Un trasloco richiede tempo, energie e denaro. Proprio così, traslocare non solo comporta una grande fatica ma anche un certo investimento, visto che sono diverse le operazioni a cui fare fronte.

Per fortuna esistono bonus e detrazioni fiscali che anche quest’anno sono stati confermati nella Legge di Bilancio 2020.

Scopriamo come funziona e a quanto ammonta la detrazione.

Spese di trasloco detraibili 2020

I bonus e le detrazioni fiscali sono la soluzione perfetta per recuperare parte della cifra investita nel trasloco. Con il bonus mobili 2020 si possono detrarre le spese di trasporto e montaggio di mobili, arredi e grandi elettrodomestici.

Le spese di trasloco sono detraibili nella dichiarazione dei redditi.

Grazie al bonus mobili i contribuenti possono quindi includere fra le spese detraibili al 50% anche quelle riguardanti il trasporto e il montaggio acquistati in fase di ristrutturazione edilizia cominciata dal 2019 sull’immobile.

E’ importante ricordare che le spese del bonus mobili devono essere pagate con bonifico, carta di credito o debito e non sono accettati contanti, assegni o altri metodi di pagamento.

Bonus mobili 2020 spese trasporto e montaggio detraibili

Secondo le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate nel bonus mobili le spese di trasloco rientrano fra quelle a cui è consentita l’agevolazione al 50% per un massimo di 10.000 euro.

Le spese di trasloco sono detraibili solo se il contribuente effettua il pagamento secondo uno dei metodi previsti dalla legge, ovvero:

  • Bonifico parlante
  • Bonifico semplice
  • Carta di credito o debito
  • Finanziamento a rate

E’ fondamentale conservare la documentazione attestante il pagamento, che consente di attestarne la data, l’importo e dove sono stati acquistati i beni.

Poiché la detrazione delle spese di trasloco è al 50% fino a 10.000 euro, lo sconto Irpef massimo che si può ottenere grazie al bonus mobili è di 5000 euro.

L’importo verrà suddiviso in dieci anni e verrà rimborsato in 10 quote annuali di importo uguale.

Ai fini della detrazione è importante sapere che bisogna aver effettuano un intervento di ristrutturazione straordinaria sull’immobile, ma non è richiesta contiguità logica tra le due cose.

Ad esempio, se la ristrutturazione riguarda la camera da letto, si possono detrarre le spese per l’acquisto della lavatrice. Infine, è fondamentale ricordare che le spese di trasloco detraibili riguardano trasporto e montaggio di arredi nuovi.

Chi può chiedere la Detrazione al 50% per il trasloco

Possono chiedere la detrazione al 50% per il trasloco:

  • Proprietari o nudo proprietari
  • Usufruttuari e locatari
  • Soci di cooperative o imprenditori individuali
  • Soggetti che producono redditi in forma associata come società semplici
  • Convivente o familiare del possessore o detentore dell’immobile
  • Colui che acquista un immobile se il compromesso è già stato registrato

Ottenere un beneficio importante come la detrazione al 50% vuol dire rendere la casa più confortevole, a ridotto impatto ambientale e con una migliore resa dal punto vista energetico.

Il bonus mobili 2020 viene dunque incontro a tutti coloro che vogliono recuperare le spese per la ristrutturazione e il trasloco che spesso sono insostenibili.

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.