Come ricavare due camere separate da una sola camera

365
due camere separate

Capita spesso che due figli che hanno condiviso una singola camera, una volta cresciuti, vogliano stare in due camere separate. Cosa si può fare allora per ricavare due camerette da una sola camera?

Quando la crescita porta a volere ognuno la propria privacy, bisogna iniziare a pensare a una soluzione per ottimizzare lo spazio della propria abitazione. Gli aspetti da considerare sono alcuni.

La presenza di una sola camera da cui si vuole ricavare due camere separate non deve essere un problema, ci sono modi per personalizzare gli spazi in maniera unica. Il primo accorgimento da tenere in conto riguarda la dimensione della stanza che dovrebbe essere abbastanza grande da evitare due piccoli sgabuzzini.

Lo spazio minimo che potrebbe essere diviso con sufficiente soddisfazione dovrebbe essere di almeno 18 metri quadrati. Un altro fattore da considerare riguarda quante finestre ci sono, e quali sono i punti luce negli ambienti che si andrà a ricavare.

Alcune soluzioni pratiche

Una delle soluzioni, se è consentito dagli spazi della camera, è quella di utilizzare un muro divisore, ripartendo anche in due la finestra per permettere che aria e luce entrino nelle rispettive nuove stanze.

La partizione è fattibile qualora non venga mutato il vano murario e qualora l’immobile non sia vincolato. Questa mutazione della partizione è da richiedere attraverso una pratica SCIA e preceduta dall’autorizzazione del condominio.

E se invece la finestra è in una posizione che non permette la divisione? In questo caso, si potrà realizzare una parete in materiale sottile, cartongesso, lasciando delle finte finestre per il filtraggio della luce e inserendo una porta scorrevole.

Ci sono inoltre altre soluzioni che non prevedono operazioni murarie (magari in contesti in cui non si possono effettuare modifiche permanenti)

Soluzioni non permanenti

Tra le prime e più apprezzate soluzioni ci sono le porte scorrevoli, che fungono anche da finta parete e possono essere installate senza costruire nuovi muri pur mantenendo le stanze comunicanti.

Altra maniera per isolare gli ambienti, specialmente utilizzata per i salotti, è rappresentata dalle vetrata, che possono essere trattate con interventi che le rendano opache e non trasparenti, oppure si possono installare anche delle tende come ulteriore elemento di privacy.

Un altro divisore che svolge bene il suo compito è la libreria, che oltre alla funzione divisoria inserisce anche un arredo utile allo studio, all’istruzione e alla collocazione dei libri della casa.

Meglio ancora se la libreria è componibile e bifacciale, così che possa essere montata in base alle esigenze di spazio e trattata come un vero e proprio muro. Ai due lati, inoltre, possono essere applicate delle scrivanie che ottimizzino lo spazio di studio.

Ultimo modo, ma sempre valido per dividere in due una camera unica e realizzare due camerette è l’utilizzo di un separé o di un paravento. Questa è una soluzione economica per quelle situazioni spaziali che non vengono incontro alle nostre esigenze economiche, ma sembra comunque un buon compromesso per ricavare degli spazi che necessariamente a una certa età vengono richiesti.

Devi ristrutturare Casa e ti occorre un preventivo gratuito? CLICCA QUI

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.