Isolamento termico interno col cartongesso

166
isolamento termico

Il problema maggiore che ogni abitazione affronta durante l’anno è quello che riguarda la conservazione del calore: durante l’inverno un’abitazione poco isolata rende facile per i normali pure la dispersione del calore e l’ingresso del freddo dall’esterno e in estate, quando il caldo dovrebbe uscire, viene invece trattenuto rendendo l’aria umida e tropicale.

Il modo migliore per risolvere il problema di dispersione (col danno economico che ne viene) è effettuare lavori di isolamento termico interno in cartongesso.

Le principali informazioni per sapere tutto il necessario riguardo l’isolamento termico e rendere la propria casa un posto più accogliente e facile da vivere sono qui di seguito.

Come fare l’isolamento termico interno

L’isolamento termico interno, detto anche coibentazione interna, è un lavoro abbastanza semplice da realizzare, che richiede soltanto una buona dose di cure ed attenzioni a come viene fatto.

L’isolamento ha lo scopo di rendere l’ambiente indipendente dagli sbalzi di temperatura esterni per poter garantire che la temperatura non si raffreddi troppo in inverno e non si scaldi esageratamente in estate, restando quindi ad un livello confortevole in base alla stagione.

Isolare l’ambiente in questo modo è un intervento edilizio estremamente consigliato quando non è possibile sostenere i costi di un cappotto esterno, che comporta anche tempistiche maggiori, oppure per problemi a livello condominiale.

Per realizzare l’isolamento termico interno bisogna prima di tutto scegliere quale materiale accostare al cartongesso, procedendo poi alla pulizia dell’intonaco sulla parete. I pannelli in cartongesso dovranno essere applicati proprio sui muri e poi collegati tra loro per fare in modo che il calore non esca tra gli interstizi.

Fatto questo, il lavoro base è praticamente finito, e resta solamente l’opera di sistemazione estetica delle pareti per riportarle allo stile che conoscete (o ad uno nuovo).

Dopo aver fatto una prima rasatura, si potrà applicare una rete porta intonaco (a questo punto si consiglia un’ulteriore mano di rasatura) e quindi imbiancare le superfici.

Le soluzioni disponibili per il cartongesso

Le soluzioni principali in cartongesso per effettuare l’isolamento termico sono le seguenti:

La più economica è il Polistirolo, che si adatta bene alle zone non molto umide.

La lana di roccia è una soluzione ecologica che previene muffa ed umidità, inoltre è utile anche per migliorare l’insonorizzazione dei locali.

Il sughero rappresenta invece la soluzione migliore per un isolamento termico totale.

In base al materiale scelto, i metodi di applicazione alla parete e gli spessori del risultato finale cambieranno.

Ma quali sono i vantaggi del cartongesso isolante? Prima di tutto, la protezione contro l’umidità. Il cartongesso è un ottimo assorbente dell’umidità ed è capace di svolgere un’azione antimuffa.

Oltre a questo, altri fattori sono riguardano l’isolamento acustico, i costi minori, il risparmio energetico (per riscaldamenti e condizionatori), la facile installazione, il blocco della dispersione del calore e l’aria più pulita.

Gli svantaggi, invece, sono praticamente assenti, esclusa la perdita di qualche centimetro nella metratura degli ambienti di casa, ma se ben pensata e con la scelta dei materiali giusti, anche questa sarà impercettibile.

Devi ristrutturare Casa e ti occorre un preventivo gratuito? CLICCA QUI

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.