Illuminazione del box doccia

220
box doccia

Stai pensando di creare degli effetti di luce per il tuo box doccia? Qui di seguito troverai le migliori soluzioni per il bagno, semplici ed efficaci per ogni momento di relax.

Le scelte di interior design occupano ormai ogni stanza della casa, che si tratti di zone da giorno per accogliere gli ospiti o di ambienti più riservati come il bagno.

Proprio il bagno, in tempi recenti, ha ricevuto particolari attenzione per molte innovazioni, in modo da rendere anche questa parte della casa non solo un semplice ambiente di servizio ma un vero e proprio luogo di benessere realizzato per sé stessi.

Qui di seguito, il nostro articolo si concentrerà su alcuni suggerimenti per l’illuminazione del box doccia, con soluzioni semplici ed efficaci per personalizzare questo angolo intimo riservato a pulizia, cura personale e relax.

Operazioni sempre in sicurezza

Prima di andare a vedere quali soluzioni sono disponibili per il box doccia, dobbiamo ricordare che questo tipo di lavori devono sempre essere seguito nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti.

Essendo un luogo caratterizzato da umidità e uso dell’acqua, bisogna prestare molta attenzione, soprattutto per la norma CEI 64-8: quest’ultima, in particolare, regola e vieta l’installazione di impianti elettrici negli spazi a diretto contatto con l’acqua che esce dai rubinetti.

È quindi necessario che i lavori vadano eseguite all’esterno del box doccia e, dove possibile, mantenendo un’altezza standard di 225 centimetri. Per le zone vicine, invece, non c’è nessun problema per quanto riguarda luci e apparecchiature elettriche.

La classica plafoniera per il box doccia

Tra le prime soluzioni che vadano ad illuminare in maniera diretta l’angolo doccia ci sta sicuramente la plafoniera. Col termine plafoniera ci si riferisce a quelle lampade ad incasso che vengono installate nel soffitto, in questo caso in corrispondenza dell’angolo doccia.

In questo modo si potrà avere un delicato fascio di luce che toccherà proprio l’interno del box, utile per creare un’atmosfera più intima rispetto alla luce generica che illumina tutto il bagno.

Può inoltre rappresentare un’illuminazione extra per alcune operazioni, come la rasatura e la cura del corpo.

Solitamente, si fa uso di luci dalle tonalità calde e soffuse, in modo che la doccia rappresenti un momento di relax per corpo e mente, ma anche per la vista.

Come scegliere le strisce led per la doccia

Uno dei prodotti che ha preso molto piede negli ultimi anni per creare vari effetti di luce sono le strisce a led, o strip led. Molto innovative, utilizzabili praticamente ovunque, rappresentano un’illuminazione decorativa più che una luce principale per tutta la camera, soprattutto per i modi in cui vengono collocate nell’ambiente.

Nell’illuminazione del box doccia, si possono utilizzare dei led impermeabili, perfetti da applicare all’interno della doccia nella maniera che più si vuole.

Tra le soluzioni più gettonate in commercio, per la doccia si possono utilizzare le strip led di cromoterapia, che permettono di creare ambientazioni che ricordano quelle di una spa, modificando i colori per dare al proprio momento di relax un beneficio ancora maggiore.

I led impermeabili per doccia sono i prodotti giusti per la sicurezza di installazione. A questo materiale si associa un numero relativo al grado di protezione garantito: è una sigla IP che segue la norma europea EN60529.

Se la sigla che troverete è IP20 avete a che fare con strisce a led che necessitano di ambienti completamente asciutti.

Nel caso di ambienti umidi e con presenza di acqua, l’indice di protezione deve essere almeno un IP65, lo stesso che viene utilizzato anche in giardini e vari ambienti esterni.

Ancora meglio, l’utilizzo di un IP68 è più sicuro perché ideale per piscine e vasche.

Devi ristrutturare Casa e ti occorre un preventivo gratuito? CLICCA QUI

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.