Il mondo dei traslochi in Italia

253
traslochi in Italia

Sin dai tempi dell’unificazione del Regno d’Italia, nel 1861, è stato un ideale più sognato che perseguito quello dell’effettiva equa distribuzione della qualità dei servizi, ed è quindi indiscutibile fare riferimento al dualismo Nord-Sud, alla mancanza di un collegamento diretto (e rapido oltre che economico) tra la penisola italiana e le grandi isole, Sicilia e Sardegna. è qui che subentra l’attività di traslochi: le migrazioni, sia economiche che sociali, i trasferimenti di abitazione e lavorativi, coinvolgono una buona concentrazione di popolazione meridionale, soprattutto di giovani e laureati, anche se la maggior parte di questi sceglie di prendere in affitto una casa con coinquilini, nel caso in cui questi siano celibi o nubili.

traslochi in Italia

Traslocare da giovani

Nella maggioranza dei casi la disponibilità economica di questi studenti e giovani lavoratori è precaria e fa riferimento al reddito familiare, più che a una propria disponibilità monetaria. per questo motivo non ci si affida spesso, in queste situazioni di partenza, si fa poco affidamento sulle ditte di traslochi o, se lo si fa, si fa affidamento a ditte poco rassicuranti in cui il basso prezzo è giustificato dalla bassa qualità del servizio.

Traslochi in Italia: Traslocare al Nord Italia

Se questi trasferimenti partono dalle isole per arrivare nella parte più Nord dell’Italia, il prezzo va ad essere influenzato non solo dalla distanza da percorrere, dalla locazione di partenza e di arrivo, dalla quantità di mobili e dall’eventuale incarico di montaggio e dalla disponibilità giornaliera dei traslocatori in funzione alle richieste del cliente, ma anche dal pedaggio del traghetto o della nave su cui il mezzo deve imbarcarsi. per questo motivo spesso si intraprendono questi viaggi in macchina, con un iniziale “arrangiarsi” delle persone che si devono trasferire e una costruzione dell’arredamento “a poco a poco” grazie ai famosi “pacchi da giù”, scatoloni inviati storicamente dalle mamme e dalle nonne meridionali per far sì da far arrivare un pezzo di casa ai ragazzi e alle ragazze che tanto vi si sono allontanati.

Sempre in riferimento alla dualità precedentemente citata, è caratteristica anche la differenza di mentalità: mentre a Sud c’è una mentalità più rilassata per cui i traslochi possono impiegare una maggiore quantità di tempo, ed è per questo che ci si affida più solitamente all’aiuto di amici e parenti dotati di grosse autovetture, gli abitanti delle regioni del Nord Italia vivono in maniera più frenetica, con tempi stretti e minore disponibilità di tempo: è per questo che le aziende di traslochi, con le varie fasce di prezzo e le differenti disponibilità, si sviluppano maggiormente lungo il Po.

In ogni caso che tu scelga di trasferirti a Milano o a Catania, in Provenza o in Costa Smeralda le problematiche fondamentali sono comuni, un trasloco provoca sempre scompiglio e stress. Una filosofia di vita più rilassata e armoniosa sicuramente aiuterà a far sì che il trasloco avvenga senza troppi intoppi.

Quindi armati di buona volontà e inizia questa avventura che ti toglierà tempo ed energia ma ti darà tantissime soddisfazioni. Una volta finita guarderai a questa esperienza come una piccola ma grande conquista.

Se devi effettuare un TRASLOCO, ti consigliamo di restare aggiornato, leggendo alcune Nostre guide CLICCA QUI

Ti suggeriamo queste letture

Traslochi in abbinamento: cosa occorre sapere sul groupage

Come imballare fragili e mobili

Guida al trasloco senza stress