Risparmiare sui traslochi: Come ridurre i costi del trasloco

271

Traslocare è sempre stata una delle fatiche che neanche Ercole sarebbe stato capace di sostenere.

Soprattutto in questi momenti di crisi economica, dove traslocare è anche più frequente a causa della mutabilità dei prezzi degli affitti, occorre più che mai studiare metodi per gestire al meglio il nostro tempo e il nostro denaro.

In questo articolo scopriremo alcuni piccoli accorgimenti che ci permetteranno di tagliare tempo e costi delle varie fasi del nostro trasloco: dall’imballaggio, al noleggio al trasporto al montaggio.

risparmiare sui traslochi

Risparmiare sui traslochi: Pianificare

Pianificare tutto è la chiave di volta di tutto il trasloco.

Passo dopo passo, saper pianificare e monitorare tutti i processi del trasloco ci renderà più facile l’operazione, dandoci un quadro generale più ampio e permettendoci di risparmiare non poco.

Risparmiare sui traslochi: Disfarsi degli oggetti inutili

Stabilire in maniera sistematica quali saranno gli oggetti ad essere traslocati, e quali invece regalati o buttati, vi permetterà di risparmiare sui tempi e sui costi di trasloco.

È una buona occasione per disfarsi di oggetti che non si usano più da tempo, e che abbiamo tenuto con la buona causa del “Non si sa mai”.

Il “Non si sa mai” però, adesso costa, e quindi è il caso di liberarsi delle cose inutili.

Stilare un inventario, stanza per stanza, con un simbolo che identifichi gli oggetti da tenere o da buttare è un buon inizio.

Risparmiare sui traslochi: Imballaggio

L’imballaggio è spesso una parte costosa del trasloco, ma con un po’ di accortezza si può ridurre quasi a zero il suo costo.

Non è assolutamente necessario acquistare scatole e contenitori di cartone per l’imballaggio.

Basta recarsi in uno dei tanti supermercati, centri commerciali o anche un banale negozio e chiedere se è possibile prelevare delle scatole dal carrello per il riciclo del cartone.

Quelle scatole verrebbero sicuramente buttate via, ma sono, almeno nella maggior parte dei casi, perfettamente utilizzabili.

Cercate scatole adatte al proprio lavoro: una scatola eccessivamente pesante per oggetti che non sono tanto delicati è uno spreco, ed aumenta di molto il peso complessivo del trasloco.

Scatole più piccole vi permetteranno di creare dei gruppi più gestibili di oggetti, pronti allo spacchettamento dopo il trasloco.

Scatole eccessivamente grandi, inoltre, vengono facilmente riempite oltre il loro limite, col rischio di rompersi e danneggiare i vostri oggetti.

Per proteggere gli oggetti la scelta ricadrà sui fogli di giornale. Delle palle o dei salsicciotti di giornale arrotolati ammortizzeranno i colpi e proteggeranno i vostri oggetti.

Anche le lenzuola, le coperte e gli asciugamani possono essere usati per proteggere oggetti delicati.

Passiamo poi all’identificare tutti quegli oggetti che hanno una forma eccessivamente particolare o una costituzione troppo fragile per un imballaggio “economico”, e dedichiamo loro le giuste attenzioni.

Risparmiare sui traslochi: La scelta della ditta di traslochi

Grazie ad internet possiamo trovare la ditta di traslochi che più fa al caso nostro.

Con qualche ricerca possiamo richiedere dei preventivi gratuiti per il nostro trasloco.

Vale la pena ricordare che il preventivo telefonico o via internet non corrisponde quasi mai al prezzo finale del trasloco. Qualche imprevisto o qualche dimenticanza faranno sì che il prezzo sia quasi sempre superiore. Teniamo conto di questo.

Diffidate dalle ditte eccessivamente economiche: la qualità, è vero, spesso si paga.

Potrebbe essere il caso di una ditta che tratti in maniera eccessivamente indelicata i vostri beni, oppure che aumenti il costo finale del trasloco.

Risparmiare sui traslochi: Misurare tutto

Fa parte del capitolo “lo tengo o lo butto?”, ma vale la pena ricordare che durante il trasloco occorre dedicare del tempo alla mobilia particolarmente grande che potrebbe non passare facilmente dalle porte o nei corridoi del nuovo appartamento.

In questo caso meglio buttare via o regalare l’oggetto che spendere una cifra spropositata nel tentativo di farlo entrare in casa (col rischio di romperlo).

Risparmiare sul trasloco: Fai da te

La cara vecchia pratica del fai da te è da sempre una delle fasi indiscusse del trasloco economico. Spesso farsi aiutare da amici e parenti è una buona cosa, ci permetterà di alleggerire il peso della fattura della ditta di trasloco.

Stanze come camera da letto e cucina sono quelle che più fanno perdere tempo ai facchini della ditta di trasloco, pertanto far trovare quanto meno parte della mobilia già smontata, potrebbe essere un grosso vantaggio per voi (e per loro).

Risparmiare sul trasloco: Noleggio del furgone

Se avete deciso di fare da voi il trasloco, senza affidarvi ad una ditta esterna, l’ideale è noleggiare un furgone.

Da tempo esistono numerosi società dedicate al noleggio di furgoni e non solo.

Le regole di base per il noleggio sono le stesse del noleggio auto: I giorni infrasettimanali costano meno.

Ricordate che un carico eccessivo sul furgone aumenterà i costi del carburante, che sono a carico vostro. Potrebbe essere più vantaggioso effettuare più viaggi che non caricare tutto in una volta.

Se devi effettuare un TRASLOCO, ti consigliamo di restare aggiornato, leggendo alcune Nostre guide CLICCA QUI