Come scegliere parquet per il riscaldamento a pavimento

92
parquet e riscaldamento

Se hai scelto di abbinare il parquet al riscaldamento a pavimento per la casa, la prima cosa da fare è scoprire qual è il tipo giusto di legno da scegliere.

La combinazione del parquet con il riscaldamento a pavimento è ideale per chi vuole dare alla casa un tocco elegante e raffinato, e allo stesso tempo vuole camminare su un pavimento caldo anche durante l’inverno.

Si pensa che la proprietà isolante del legno lo renda un difficile conduttore di calore, ma in realtà quando viene utilizzato un buon impianto di riscaldamento la temperatura si mantiene in maniera pressoché perfetta. La prima cosa da fare, quindi, è scegliere il legno adatto che possa essere usato nel proprio arredamento e che sia comodo.

Tipi di parquet che si adattano al riscaldamento a pavimento

Il tipo di parquet sarà indifferente e potrete sceglierlo in base alle esigenze di colore o gusto che vi piacciono, ma il dettaglio che non può variare riguarda la posa: il consiglio è sempre quello di utilizzare una posa flottante, che si fa appoggiando il parquet sul pavimento tramite degli incastri che agganciano tra di loro i vari listelli.

In alternativa, si può usare la posa incollata, dove si stende della colla sul pavimento per poi adagiare sopra le assi di legno.

Prima di installare il parquet è obbligatorio aver sistemato già l’impianto di riscaldamento del pavimento, accendendolo per almeno tre settimane prima della posa.

Le strutture principali di parquet in commercio sono quattro:

La prima è composta da un legno principalmente grezzo e viene definita tradizionale.

La seconda si chiama “a due strati” ed è la migliore per quanto riguarda la conduttività del calore. La terza è quella “a tre strati”, più resistente nel tempo ma meno capace di condurre il calore.

L’ultima è quella in Massello, ottima per resistere all’umidità e resistente anche agli urti. Il multistrato, quindi, è la scelta migliore per associarlo con un impianto di riscaldamento a pavimento.

Parquet e riscaldamento a pavimento: le qualità dei diversi legni

Il parquet in legno di rovere è famoso per la sua robustezza: questo tipo di legno viene spesso impiegato per le case che vogliono resistere ai cambiamenti climatici relativi a umidità e acqua, ma è poco resistente a urti e graffi, e necessita di molte cure. Il legno può cambiare colore nel corso del tempo, soprattutto se su di esso sbattono i raggi solari.

Il parquet in noce ha una tonalità più scura, considerato di solito più elegante. Si differisce in tipo europeo, più ricco di sfumature, e americano, più uniforme.

Ci sono altri legni che possono essere utilizzati per ottenere dei parquet più esotici, come quelli più particolari provenienti da Asia o Africa. Esiste ad esempio il Teak, oppure quello in Iroko, e ancora in Doussiè, in Afrormosia o Paduk.

I più resistenti a livello di cambiamenti atmosferici sono sicuramente il teak e l’iroko, mentre il Doussè è più conveniente per il costo ed è adatto ad ambienti particolarmente umidi.

Devi ristrutturare Casa e ti occorre un preventivo gratuito? CLICCA QUI

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.