Come gestire l’indagine sul trasloco: La guida completa

89
indagine sul trasloco

Quando si parla del momento più stressante di una famiglia, pochi vengono in mente prima di impacchettare tutto ciò che si possiede e partire per la nuova casa. Il processo di trasloco può essere noioso e richiede molto tempo, ma questo non significa che non si possa rendere l’intera esperienza un po’ meno terribile.

Con il giusto approccio, s’intende. Potrà essere necessaria un po’ di pratica prima di riuscire a farcela, ma ci sono diversi trucchi che potete usare per rendere questa parte del processo di trasloco la più gestibile.

Continuate a leggere la nostra guida completa su come gestire l’indagine sul trasloco: dalla pianificazione alla concentrazione durante il processo stesso.

Che cosa comporta l’indagine sul trasloco?

Con un po’ di pianificazione si può evitare molto stress da trasloco quando si tratta del sopralluogo. Sapere cosa aspettarsi in anticipo può aiutarvi a mantenere la calma quando il consulente busserà alla vostra porta e può anche rendere l’intero processo più facile per i vostri traslocatori.

Il consulente vorrà sapere alcune cose su di voi e sulla vostra famiglia, oltre a dettagli sul vostro trasloco. Potrà chiedervi dove stanno andando le cose (e, in alcuni casi, perché no) e quanto tempo ci vorrà per fare tutto. È probabile che vi venga chiesto anche di apporre una firma su alcuni documenti e che vi venga chiesto di far partecipare i traslocatori al vostro trasloco.

È consigliabile pensare in anticipo e annotare l’indirizzo, la data del sopralluogo e qualsiasi altro dettaglio importante che potreste dimenticare. Potrebbe anche esservi chiesto di fotografare i vostri mobili mentre vengono caricati sul camion.

Conoscere le proprie esigenze prima di iniziare

Il trasloco è un passo importante ed è facile farsi travolgere dall’entusiasmo e dimenticare di avere alcune esigenze specifiche. Assicuratevi di essere a conoscenza di tutto ciò di cui avete bisogno, in modo da non avere sorprese quando si tratta del costo delle cose.

Pensate ai mobili che avete, a quelli che non avete e a quelli che volete prendere. Alcune famiglie possono avere molti mobili che non saranno necessari nella nuova casa, mentre altre possono averne pochi. Tenete conto di questo aspetto quando pianificate il trasloco.

Pianificare in anticipo per evitare lo stress dell’ultimo minuto

Quando pianificate il trasloco, dovete tenere a mente la vostra tempistica. Sapere quando le cose devono essere imballate, disimballate e riposte può aiutarvi a evitare lo stress dell’ultimo minuto.

Se avete un’idea di quanto tempo ci vorrà per il vostro trasloco (sia fisicamente che per quanto riguarda le pratiche burocratiche), potete pianificare in anticipo eventuali ritardi dell’ultimo minuto. Si può anche cercare di tenere conto della possibilità di traffico, se si prevede di traslocare nelle ore di punta. Se è una possibilità, cercate di tenerne conto nella vostra tabella di marcia.

Mantenere una routine per rimanere lucidi di mente

Anche se non è possibile evitare del tutto l’indagine sul trasloco, ci sono alcune cose che si possono fare per rendere l’intera esperienza un po’ più facile. Ad esempio, potete stilare un elenco di cose che volete far sapere all’impresa di traslochi.

Tenete l’elenco in un unico posto, in modo da non dovervi affannare a cercarlo durante il trasloco. Potete anche provare a fare un elenco dei mobili che avete nella vostra vecchia casa. Potete anche cercare di mantenere un po’ di routine nelle vostre attività quotidiane, in modo da non dover pensare a molto quando i traslocatori sono alla vostra porta. Cercate di mantenere la casa il più ordinata possibile, in modo che i traslocatori possano muoversi il più rapidamente possibile.

Quando arrivate, non dovete…..

Può sembrare scoraggiante disimballare tutto e iniziare a sistemare la nuova casa, ma non è necessario farlo tutto in una volta. Iniziate a disfare le vostre cose non appena arrivate nella nuova casa. Datevi tutto il tempo necessario per disfare le valigie e mettere tutto a posto, in modo da non sentirvi affrettati nell’allestimento della nuova casa.

Suggerimento: non dimenticate di fare delle foto!

Anche se non è necessario annotare ogni minimo dettaglio dell’esperienza di trasloco, è bene prendere nota di ciò che è andato bene e di ciò che non è andato bene. Se vi prendete il tempo di annotare le vostre impressioni, potrete utilizzarle per i traslochi futuri. Se avete uno smartphone, potete usare applicazioni come Evernote, che vi permette di salvare note di testo, immagini e audio. Potete anche fotografare i vostri mobili e prendere appunti su quello che c’è nelle foto.

Conclusione

Il trasloco è un’esperienza unica ed è facile sentirsi sopraffatti. Cercate di mantenere le cose in prospettiva e di pensare a come rendere il trasloco un po’ più facile per voi stessi. In questo modo, potrete evitare stress inutili e concentrarvi sugli aspetti positivi del trasloco. Quando si affronta l’indagine sul trasloco con un po’ di fiducia, si può davvero rendere più facile l’intera esperienza.

Se devi traslocare chiedi un preventivo Gratuito

Segui il Nostro Blog per restare aggiornato

Come Traslocare correttamente? Ecco alcune Guide da tenere a mente.