Trasporti eccezionali

Trasporti eccezionali cosa fare e normative da seguire

I trasporti eccezionali sono importanti soprattutto per chi abbia un’azienda, ma non solo. Comprendere che cosa si intenda per trasporto eccezionale, e come trattarlo, diventa quindi necessario per arrivare al giorno della movimentazione con tutte le “carte in regola” e con la tranquillità necessaria.

Che cosa sono i trasporti eccezionali

I trasporti eccezionali comprendono tutta una serie di situazioni nelle quali è necessario spostare merci, macchinari e molti altri beni. In generale, si definisce un trasporto eccezionale quello di merci fuori sagoma, ma anche quello relativo a carichi che abbiano dimensioni e peso oltre lo standard.

Il trasporto eccezionale può riguardare sia il nostro territorio nazionale, sia quello internazionale, e spesso si riferisce a settori industriali. Infatti, spesso il trasporto di macchinari, di cisterne, lamiere, ma anche di semplici mezzi produttivi può essere classificato come eccezionale.

La normativa di riferimento in questo caso è costituita dall’articolo 10 del Codice della Strada.

Questo distingue tra veicoli eccezionali e trasporto in condizioni di eccezionalità. Il primo indica tutti quei veicoli che, sulla base della propria configurazione di marcia, superano i limiti di dimensione e massa stabiliti dallo stesso Codice.

Il trasporto in condizioni di eccezionalità comprende lo spostamento di un carico indivisibile le cui dimensioni o peso siano superiori a quelli indicati dal Codice.

Si comprendono anche carichi che sporgano posteriormente più di 3 decimi della lunghezza del veicolo, anteriormente oltre la sua sagoma e quelli effettuati con mezzi d’opera.

Cosa valutare per i trasporti eccezionali

Per un trasporto eccezionale sarà necessario valutare, innanzitutto, il mezzo di trasporto. Il trasporto su strada è ideale per le consegne che debbano essere effettuate a breve distanza, oppure per quelle che debbano arrivare a magazzini, stazioni, aeroporti e così via.

Il trasporto ferroviario, invece, sarà utile nel caso in cui le spedizioni debbano raggiungere destinazioni lontane.

Dovrà essere coordinato per arrivare effettivamente alla destinazione. Anche il trasporto via aerea è molto utilizzato, ed è sicuramente sicuro, ma è anche molto dispendioso.

Infine, il trasporto via mare è utilizzato soprattutto per le grandi capacità di carico, e in modo particolare quando sia necessario anche contenere i costi.

Le autorizzazioni e le norme per i trasporti eccezionali

Sempre prendendo in considerazione quelli che sono gli articoli del Codice della Strada, si sa che i veicoli eccezionali sono già identificati come tali all’interno della carta di circolazione.

Per quanto riguarda, invece, i trasporti in condizioni di eccezionalità si dovranno ottenere delle specifiche autorizzazioni alla circolazione.

Queste dovranno essere richieste almeno 15 giorni prima all’ente proprietario del veicolo, oppure agli enti concessionari di autostrade, statali e provinciali.

Dovranno essere conservate all’interno del veicolo per tutto il tragitto. L’autorizzazione può prevedere un obbligo relativo al percorso da seguire, oppure può individuare un elenco di strade percorribili.

Le autorizzazioni potranno essere:

  • Singole:

sono rilasciate di volta in volta per il singolo viaggio e saranno valide al massimo per un mese

  • Multiple:

si riferiscono ad un numero di trasporti prestabilito per un periodo non superiore a tre mesi

  • Periodiche:

comprendono un numero illimitato di trasporti eccezionali. Possono durare fino a sei mesi o fino ad un anno.

PROFESSIONALITA’

RAPIDITA’

PUNTUALITA’

SCEGLI LA PROVINCIA IN ITALIA PER IL TUO TRASPORTO ECCEZIONALE